Dietologia

La Dietologia è la scienza che studia il regime alimentare dell'uomo, affinch sia controllato ed appropriato. La dieta quindi non è un "mangiare un po' meno per perdere qualche chilo", ma un atto medico terapeutico e come tale dev'essere rigorosamente personalizzato.
Nella prescrizione di una dieta il medico deve tener conto delle eventuali patologie di base del paziente, dell'età, del sesso, del metabolismo basale, della composizione corporea, etc.

A dimostrazione di quanto detto si riporta la sentenza n 3257 del 18 febbraio 2011 del Tribunale di Roma che sancisce che "il biologo può solo suggerire o consigliare dei profili nutrizionali finalizzati a migliorare lo stato di salute e, mai, in nessun caso, può prescrivere una dieta come atto curativo, che rimane sempre un'attribuzione esclusiva del medico".

L'obesità (dal latino Obesitas che significa grasso) è una condizione in cui l'eccesso di grasso corporeo può provocare un effetto negativo sulla salute, con una riduzione dell'aspettativa di vita. Appare ovvio quindi come l'obesità (ed in generale ogni aumento del peso corporeo), essendo una situazione patologica, debba essere trattata esclusivamente da personale medico.
L'obestità è spesso correlata ad altre patologie come cardiopatie, diabete, ictus, osteo-artropatie ed è comunemente causata da una combinazione di un eccessivo apporto calorico e mancanza di attività fisica, anche se, a volte, le cause sono principalmente genetiche, endocrine o derivanti da assunzioni di farmaci e malattie psichiatriche.

L'obesità è la principale causa di morte prevenibile e le autorità la considerano come uno dei maggiori problemi di salute pubblica al mondo.




bilancia

La composizione corporea
(Bioimpedenziometria)




La misurazione dell'impedenza corporea (Body Impedence Assessment o B.I.A.) è una delle tecniche più usate ed affidabili per la determinazione della composizione corporea.
In queste misurazioni viene utilizzato un apparecchio chiamato impedenziometro che, tramite elettrodi a contatto col paziente, misura la resistenza che il corpo oppone al passaggio di una debole corrente ad alta frequenza (50 KHz). L'elaborazione di questi dati da parte di un computer porta al calcolo di una serie di utilissimi dati:
metabolismo basale
indice di massa corporea o body mass index (B.M.I.)
% di grasso corporeo e livello di grasso viscerale
% di massa muscolare scheletrica
Attraverso alcune tabelle, questi parametri sono di grandissimo aiuto nell'elaborazione di diete e nel controllo dell'efficacia delle stesse.


Indice di massa corporea


BMI

Classificazione

< 20

Sottopeso

20-25

Normopeso

25-30

Sovrappeso

30-35

Obesità

> 35

Obesità Patologica



% di grasso corporeo

Sesso
Età
Bassa

Normale

Alta

Molto Alta


18-39
< 21

21-33

33-39

> 39

Donne

40-59
< 23

23-34

34-40

> 40


60-80
< 24

24-36

36-42

> 42


18-39
< 8

8-20

20-25

> 25

Uomini

40-59
< 11

11-22

22-28

> 28


60-80
< 13

13-25

25-30

> 30



Livello di grasso viscerale


Livello di grasso viscerale

Classificazione dei livelli

< 9

Normale

9-14

Alto

> 14

Molto Alto



%
di muscoli scheletrici


Sesso

Età

Bassa

Normale

Alta

Molto Alta


18-39

< 24,3

24,3-30,3

30,4-35,3

> 35,3

Donne

40-59

< 24,1

24,1-30,1

30,2-35,1

> 35,1


60-80

< 23,9

23,9-29,9

30,0-34,9

> 34,9


18-39

< 33,3

33,3-39,3

33,4-44,0

> 44,0

Uomini

40-59

< 33,1

33,1-39,1

33,2-43,8

> 43,8


60-80

< 32,9

32,9-38,9

39,0-43,6

> 43,7








plicometroPlicometria


La plicometria è una tecnica estremamente semplice per la misurazione della percentuale di grasso corporeo anche se, di recente, è stata quasi completamente sostituita dalla bioimpedenziometria che, come abbiamo visto in precedenza, permette di rilevare un maggior numero di dati e con maggiore precisione.
Le misurazioni devono esser fatte in particolari punti del corpo, ripetute 2-3 volte e calcolata la media per ridurre il margine di errore. Successivamente, grazie ad alcune equazioni come quella di Lohman (anch'esse non particolarmente precise rispetto alla B.I.A.), si ottiene la percentuale di massa grassa.




metro
Metro sanitario


Il metro sanitario è un metro retrattile automatico che permette di effettuare delle misurazioni sul corpo umano, riducendo al massimo i rischi di errore.
La variabile più comune durante una misurazione (ovviamente a parità di sede) è la tensione con cui si tende il metro; questo semplice ed economico strumento possiede al suo interno una molla che, regolando automaticamente la tensione del nastro, elimina il pericolo di rilevazioni errate.
E' comunque buona norma rilevare 2-3 misurazioni e calcolare la media tra esse.

 
 
  Site Map